pulizia
Dopo ogni fumata, e soprattutto se questa non è ben riuscita, si dovrà togliere con la lama ottusa del curapipe ogni residuo di tabacco sul fondo o sulle pareti del fornello, pulire il pozzetto da ogni traccia di cenere o umidità, passare uno o più scovolini nel cannello e nel bocchino. Solo così la pipa sarà sempre in gran forma e, lungi dall’essere maleodorante come insinuano i suoi detrattori, emanerà una fragranza del tutto particolare, garanzia di ottime fumate.
È opportuno ricordare che la manutenzione non va fatta a caldo, ma bisogna aspettare che la pipa si raffreddi. Per eliminare i residui della combustione si può battere delicatamente la pipa ( sempre tenendola per il cannello e mai per il bocchino onde evitare la rottura del perno o floc ) contro il palmo della mano o contro il cuscinetto in gomma o sughero dei posacenere per pipe.